La bellezza suggerita dall’oriente

Il bagno Rasul, antico rituale di purificazione tramandato dalla tradizione orientale, è il trattamento ideale per preparare la pelle del corpo alla lunga esposizione al sole. Leviga, rassoda e soprattutto drena l’adipe in eccesso. Non si tratta della solita cura di bellezza, a buon titolo il bagno Rasul, nel corso della storia, si è meritato il titolo di “regina dei bagni orientali”, praticato in Turchia e nei paesi arabi dove questi bagni riscaldati sono concepiti come centri di igiene, di benessere e di vita sociale. Il segreto di questo trattamento è racchiuso nella combinazione dei quattro elementi: l’acqua (il bagno), il fuoco (il calore), l’aria (le essenze) e la terra (i fanghi), infatti combina l’azione curativa dei fanghi, il caldo benefico del vapore e i seducenti profumi arabi. Il bagno viene praticato in un locale appositamente realizzato: niente illuminazione diretta, ma solo punti luce strategici, dominano i colori rosso e blu, simbolo dell’energia vitale del fuoco e della calma universale dell’acqua.Mentre il bagno di vapore si riscalda fino a 38 gradi, diversi tipi di fanghi terapeutici vengono spalmati su tutto il corpo e lasciati seccare in modo da penetrare nella pelle. L’aumento graduale della temperatura fino a 40-50 gradi inumidisce l’aria ed il fango terapeutico. La successiva rimozione del fango depura e leviga la pelle, rendendola luminosa. La pelle morta viene rimossa dall’effetto peeling e stimola la circolazione sanguina. Nella fase successiva è prevista l’applicazione di sale grosso marino integrale, con azione purificante e disinfettante, che viene steso su tutto il corpo, questo momento è quindi dedicato all’esfoliazione che serve a rendere la pelle ancora più liscia e libera dalle cellule morte. Al termine di questa fase si passa ad una doccia rinfrescante e rigenerante ed eventualmente all’immersione in una piccola piscina con l’idromassaggio.

Condividi questo articolo sui social:
0