Analcolicness: da Hollywood all’Italia

 Basta con drink alcolici a tutti i costi, da New York a Parigi, passando da Milano e Barcellona, mete della movida internazionale, impazza l’Analcolicness un nuovo modo di trascorrere la nightlife legati ai valori del bere sano e consapevole, soprattutto durante la stagione estiva. A seguire la tendenza sono i più famosi bartender internazionali e locali più “in” di tutto il mondo, come il The Brink di Liverpool e l’Elysee Montparnasse di Parigi. E come tutte le tendenze anche le celebrities di Hollywood si sono convertite all’analcolico, da Jennifer Aniston a Colin Farrell, da Eva Longoria a Ewan McGregor. I tabloid statunitensi immortalano e raccolgono le testimonianza dei vip e c’è chi, come l’Huffington Post ha scoperto persino che le grandi rockstar americane preferiscono la minerale, da Madonna ai Pearl Jam passando per Christina Aguilera e Gun’s Roses. Emblemi in Italia di questa nuova tendenza sono i cocktail “Mixology” by Perrier”, creati dal guru della mixologia d’avanguardia Laurent Greco, e i cocktail della Mix Art 0% Alcool 100% Creativita’ di Sanpellegrino, colosso mondiale delle acque minerali divenuta con gli anni una vera e propria leggenda nel settore delle bibite analcoliche, creative ed alternative ma soprattutto portatori dei valori di un bere sano e leggero. L’Analcolicness è una tendenza internazionale individuata attraverso il monitoraggio e l’analisi di oltre 200 testate internazionali (quotidiani e periodici) e 1200 siti Internet dedicati alle nuove tendenze da Found!, la prima agenzia di mood marketing communication in Italia. Locali internazionali come il The Brink di Liverpool, e l’Elysee Montparnasse di Parigi, offrono alla loro clientela drink analcolici che attirano ogni sera un folto numero di clienti; su questa scia, sono anche numerosi i corsi che forniscono a barman e barlady nuove proposte e nuove tendenze nel mondo dei cocktail analcolici attraverso l’uso della frutta e di tecniche di miscelazione avanzate, da proporre nelle varie fasce orarie, dall’aperitivo al dopo cena. 


Condividi questo articolo sui social:
0