Fine di una storia e la rete

E il 70% non restituisce i doni ricevuti

Internet come strumento “consolatorio”

Sono sempre di più i “piantati” d’Italia che ricorrono a internet per cercare un po’ di svago e dimenticare i propri ex. Lo rileva una ricerca condotta da Vivastre­et .it, che indica come gli italiani quando una storia finisce non si disperano più di tanto e trovano prontamente rifugio nella rete. La maggioranza degli intervistati (28%) dopo la fine di una relazione dichiara di aver iniziato ad utilizzare internet o di averne intensificato l’uso, come strumento di distrazione e svago e, perchè no, proprio per “guardarsi intorno” nella prospettiva di incontrare un nuovo possibile partner. La restante parte del campione dichiara tendenzialmente di aver adottato atteggiamenti attivi e propositivi, quali la ricerca di nuove amicizie (24%), l’inizio di attività sportive e ricreative (21%) e il cambio del proprio look (15%). Lasciarsi ha anche un costo: la ricerca ha evidenziato come la fine di una relazione tocchi la sfera emotiva, ma abbia anche dei risvolti più prosaici di tipo economico. La perdita annua è compresa tra 5mila e 10mila euro per il 32% degli uomini, tra 2mila e 5mila euro per il 30% delle donne. In particolare, c’è da registrare un attaccamento al limite del feticismo per i doni dei propri ex: il 70% del campione tiene i regali per sè e non pensa a restituirli, venderli o disfarsene in altro modo.

Condividi questo articolo sui social:
0