Un malessere al maschile

I dati riferiscono di un 9,7% di uomini

Anche i padri ne possono essere colpiti

La depressione che segue la nascita di un figlio colpisce uomini e donne allo stesso modo: è quanto sostiene uno studio del Parenting research centre di Melbourne pubblicato su Social Psychiatry and Psychiatric Epidemiology. Nel primo anno di vita del bambino, il 9,7 per cento dei padri soffre di depressione post-natale a fronte di un 9,4 per cento nelle madri. In particolare, sono più vulnerabili i padri giovani, quelli sotto i 30 anni, inclini alla malattia per il 40 per cento in più rispetto ai genitori più adulti. Lo studio si basa su valutazioni della salute mentale di padri i cui figli hanno tra i 3 e i 12 mesi e fino a 5 anni. “I padri sono a rischio di depressione post natale e per alcuni il pericolo perdura per tutta la prima infanzia dei figli”, hanno spiegato gli autori. “I genitori di sesso maschile sono sempre più sensibili a problemi di salute mentale – ha dichiarato alla Abc Online Jan Nicholson, uno dei coautori della ricerca – perchè hanno assunto un ruolo più significativo nella genitorialità. Tuttavia, se da un lato viene riconosciuto un loro ruolo sempre piu’ importante, dall’altro sono troppo vulnerabili per via della mancanza di sonno e della maggiore dose di responsabilità”.

Condividi questo articolo sui social:
0