Viagra e radioterapia

Assumere il viagra prima e dopo la radioterapia migliora la funzione sessuale dei pazienti affetti da cancro alla prostata. E’ quanto emerge da uno studio del Memorial Sloan-Kettering’s Cancer Center. In genere un peggioramento della vita sessuale, tra cui ad esempio la disfunzione erettile, è un effetto collaterale comune dei pazienti sottoposti ai trattamenti per il cancro alla prostata. Il nuovo studio ha coinvolto soggetti affetti da questo tipo di tumore ma senza alcuna metastasi e che sono stati subito sottoposti a radioterapia. Alcuni pazienti sono stati invitati ad assumere 50 milligrammi al giorno di viagra, altri un placebo durante la radioterapia e sei mesi dopo il trattamento. I soggetti hanno compilato un questionario circa la loro funzione sessuale durante il trattamento e dopo 6, 12 e 24 mesi. “Gli uomini che hanno ricevuto il farmaco – ha detto Michael Zelefsky, vicepresidente per i programmi di ricerca clinica del reparto di oncologia del Memorial Sloan-Kettering’s Cancer Center e autore dello studio – hanno dato  risultati  importanti perchè dimostrano che la terapia farmacologica utilizzata prima e dopo il trattamento con radiazioni- ha aggiunto – può ridurre il rischio di impotenza, un effetto collaterale comune della radioterapia”. La casa farmaceutica che produce il viagra, la Pfizer, ha finanziato parzialmente questo studio.

Condividi questo articolo sui social:
0