Facebook e psiche

L’uso di Facebook potrebbe essere correlato allo sviluppo di disturbi psicotici. Almeno secondo i risultati di uno studio della Sackler Faculty of Medicine dell’università di Tel Aviv coordinato da Uri Nitzan e dal Shalvata del Mental Health Care Center, pubblicati sul Journal of Psychiatry and Related Sciences. In contemporanea alla diffusione capillare dell’accesso a internet si sono sviluppate, secondo la ricerca, psicopatologie associate come internet addiction e delusioni relative alla tecnologia e alle relazioni virtuali. Lo studio ha analizzato nei dettagli tre casi di episodi psicotici correlati alla comunicazione via internet. Secondo Nitzan, i tre pazienti avevano in comune alcuni tratti come la solitudine e la vulnerabilità a causa della perdita o della separazione da una persona cara, la relativa inesperienza con la tecnologia e nessuna storia precedente di abuso di sostanze o manifestazione di psicosi. In ogni caso è stata rilevata una connessione tra lo sviluppo graduale e l’esacerbazione dei sintomi psicotici, tra cui deliri, ansia, confusione, e l’uso intenso di social network. I tre casi coinvolti nello studio hanno tutti trovato un conforto iniziale da una situazione di solitudine nella promozione di intense relazioni virtuali.

Condividi questo articolo sui social:
0