Gli omega 3 e la depressione

Una spiegazione per quella post-partum

Bassi livelli di omega 3 potrebbero essere alla base della depressione post-partum. Lo studio della University of Montreal è stato pubblicato sul Canadian Journal of Psychiatry. Le donne hanno il più alto rischio di depressione durante la gravidanza: la depressione post-parto è associata a una diminuzione della salute materna e a problemi di salute e nello sviluppo del bambino.
“Esiste un legame fra la gravidanza, i grassi omega 3 e le reazioni chimiche che liberano la serotonina, un regolatore dell’umore che viene rilasciato nel cervello”, ha spiegato Gabriel Shapiro, che ha condotto lo studio. Poichè l’omega-3 è trasferito dalla madre al feto e in seguito si trova nel latte materno, i livelli di questi grassi diminuiscono durante la gravidanza e rimangono bassi per almeno sei mesi dopo la nascita. Queste condizioni si aggiungono ad altre circostanze biologiche che portano le donne a non consumare alti livelli di omega-3. “Questa scoperta suggerisce che bisognerebbe implementare nuove strategie di prevenzione che potrebbero essere molto utili. Anche se si tratta di uno studio preliminare che richiederà ulteriori approfondimenti”, ha concluso Shapiro.

Condividi questo articolo sui social:
0