A Pescara centri massaggi a luci rosse

Spacciati per centri benessere e trasformati in veri e propri bordelli, cinque attività gestite dai cinesi nella città di Pescara sono finiti nel mirino dei carabinieri. I reati contestati ai nove indagati sono esercizio di case d’ appuntamento, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Dopo aver invaso il nord Italia, questi pseudo centri di massaggi cinesi stanno espandendosi a macchia d’olio anche nel centro-sud, con le stesse modalità e gli stessi espedienti.


Condividi questo articolo sui social:
0