La tenda: questione non solo estetica

L’invenzione di questo complemento d’arredo si deve agli egiziani che adornavano le finestre con cannucce intrecciate

L’importanza dei tendaggi, in un’abitazione, non si limita all’aspetto decorativo, essi regolano l’intensità della luce e difendono l’intimità dell’atmosfera casalinga. La scelta delle tende dipende quasi esclusivamente dalle dimensioni, dall’arredamento e dai toni dell’ambiente in cui vanno inserite. Vi sono tuttavia dei principi-base da tenere presenti: il bianco e i neutri si adattano perfettamente ad ogni tipo di arredo e di rivestimento, se invece si scelgono tinte forti come l’arancio o il blu, la luce filtrata assumerà le stesse colorazioni dei tendaggi. La scelta dei tessuti dipende dal modello di tenda, nel caso dei pannelli sono indicati i lini (che però sgualciscono facilmente), i cotoni leggeri o le fibre miste, più comode da stirare. Se invece si opta per il drappeggio si può scegliere tra poliestere, taffetà, di seta o sintetici, oppure viscosa mentre per un effetto un pò più sofisticato va bene l’organza che è leggermente rigida ma leggera. I nuovi tessuti per i tendaggi sono anche realizzati in microfibra, morbidi e adattabili. I tessuti fantasia vanno coordinati ad uno o più colori presenti nel locale o abbinati alla tinta predominante. Sulla base della tenda classica si possono realizzare un’infinità di modelli, adatti a diversi ambienti, semplicemente variando il disegno della mantovana e il tipo di tessuto. Se la stanza riceve poca luce naturale, vanno utilizzati tessuti chiari e a trame larghe, mentre se il fine è quello di oscurare si opterà per tessuti pesanti e fittamente increspati. Dagli Stati Uniti è arrivata sul mercato la tenda termica, composta da un filato particolare che mantiene la temperatura ambiente. Infine, una piccola curiosità storica: l’invenzione delle tende va fatta risalire agli egiziani i quali adornavano le finestre con cannucce intrecciate, bagnate frequentemente per mitigare la calura del clima. Colori e tessuti, inoltre, possono essere combinati per creare effetti piacevoli di armonia o contrasto con il resto dell’ arredamento, creare atmosfere di gradevole effetto oppure per ravvivare o attenuare la luminosità esterna.

Condividi questo articolo sui social:
0