“Doctor SeCS”, consulenza sessuale all’università

L’ateneo aquilano è uno dei pochi ad avere uno sportello dedicato alla tematica

Il Dipartimento di Scienze cliniche applicate e biotecnologiche (Discab) dell’Università dell’Aquila, diretto dal professor Edoardo Alesse, ha istituito Dottor SeCS, il Servizio di consulenza sessuologica rivolto agli studenti dell’ateneo. Si tratta di uno dei pochi sportelli in Italia dedicato specificatamente ai problemi sessuali e relazionali, sorto grazie all’esperienza clinica e di ricerca del professr Emmanuele A. Jannini, fondatore e coordinatore dell’indirizzo di laurea magistrale in Psicologia della devianza e sessuologia, andrologo e sessuologo medico, presidente-eletto della Società italiana di andrologia e medicina della sessualità (Siams), segretario generale della Società italiana di endocrinologia, nonchè membro del Board of directors dell’international society for sexual medicine, e dei suoi collaboratori, i dottori Giacomo Ciocca, Erika Limoncin e Daniele Mollaioli. “La sessualità – spiegano i responsabili del nuovo servizio – è senza dubbio il più importante indice di salute psichica, fisica e relazionale. Quando si presenta un problema in uno di questi tre aspetti della vita, potrebbe essere proprio la sessualità a manifestarne il disagio. I comportamenti sessuali a rischio e le tante disfunzioni sessuali rappresentano il risultato di un deficit o di un’alterazione del sistema omeostatico bio-psico-sociale dell’individuo e della coppia. In altre parole, il sesso fa stare bene, ma stare bene fa bene al sesso. In quest’ottica, il servizio di consulenza sessuologica gratuita per gli studenti dell’università dell’Aquila, Dottor SeCS, nasce per accogliere le difficili richieste d’aiuto per problemi sessuali, affettivi, relazionali, dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere, così come le storie di abuso e di stigma sociale legate alla sessualità, contestualizzando il comportamento sessuale all’interno del percorso di crescita degli studenti universitari”.

Condividi questo articolo sui social:
0