I rischi della liposuzione: a Cagliari l’ultima vittima.

La liposuzione è probabilmente la procedura di chirurgia estetica più comune al mondo. La maggior parte delle problematiche post operatorie della liposuzione tumescente si risolvono normalmente in maniera spontanea, tuttavia, possono verificarsi alcune complicanze, anche molto gravi. L’ultimo caso è quello di una donna 39 enne di Cagliari, tragicamente deceduta dopo un intervento di liposuzione nella giornata di domenica. A trovare il corpo di Rossella Daga, disteso a terra nella sua stanza da letto, sono stati i genitori. Sulle sue gambe, in particolare nell’area interessata dall’operazione, sarebbe stato trovato un ematoma. Giunti sul posto, i soccorritori non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Dopo la denuncia presentata dai parenti, la Procura ha aperto un’inchiesta per accertare le cause della morte. La liposuzione è un intervento consigliabile a coloro che hanno uno stato di salute generale buono. Ciò dovrà essere verificato dall’ anamnesi, dagli esami ematochimici e dall’ECG. Il rischio di trombosi venosa profonda aumenta nei pazienti fumatori e nelle donne che assumono contraccettivi. La familiarità con l’embolia polmonare o la trombosi venosa profonda deve essere verificata in sede di visita con il chirurgo. Pazienti obesi o in età avanzata hanno un rischio maggiore di queste gravi complicanze. La profilassi con eparina a basso peso molecolare somministrata per via sottocutanea riduce il rischio della trombosi venosa profonda e dell’embolia polmonare. Nel post operatorio il paziente deve riferire eventuale dolore alla gamba e/o di difficoltà respiratorie.

Condividi questo articolo sui social:
0