La posizione per l’amore

PCOPPIAer evitare di rinunciare alla propria vita sessuale a causa del mal di schiena, un gruppo di ricercatori canadesi ha pubblicato delle specie di “linee guida” con le migliori posizioni con cui fare l’amore. Infatti, a causa del dolore provato durante l’atto sessuale, circa l’84% degli uomini e il 73% delle donne con mal di schiena hanno ammesso di aver ridotto la frequenza dei rapporti. Nello studio pubblicato sulla rivista Spine, i ricercatori dell’università di Waterloo (Canada) hanno analizzato il modo in cui la colonna vertebrale si muove durante il sesso, cercando di capire se ci sono posizioni raccomandate o meno per chi soffre di dolori alla schiena. Combinando insieme sistemi di motion capture elettomagnetici e a infrarossi, come quelli utilizzati per la creazione dei videogiochi, gli studiosi hanno tracciato i movimenti delle colonne vertebrali di dieci coppie in 5 delle posizioni più comuni per fare sesso. Dai risultati è stato possibile creare una sorta di “mappa” delle posizioni migliori in base al tipo di mal di schiena del paziente. “In passato, a chi soffriva di dorsopatia, era spesso raccomandata dagli ortopedici la posizione ‘a cucchiaio’ come la migliore per risolvere il problema. Ma, come abbiamo scoperto, non è proprio così”, ha spiegato Natalie Sidorkewicz, autrice dello studio. Dai risultati dello studio è emerso, per esempio, che gli uomini con problemi legati alla flessione della schiena in avanti, dovrebbero adottare la posizione ‘da dietro’ invece che quella a ‘cucchiaio’, facendo particolare attenzione al movimento delle anche, che va eseguito senza inarcare la colonna ed evitando movimenti di spinta.
“Fino a oggi, i medici – hanno detto i ricercatori – non hanno mai avuto delle evidenze scientifiche a cui fare riferimento per le proprie raccomandazioni in questo campo”. Ora con queste nuove linee guida le cose potrebbero cambiare. Nei prossimi mesi i ricercatori hanno annunciato la pubblicazione di un articolo su quello che accade alla colonna vertebrale femminile.

Condividi questo articolo sui social:
0