Le città che fanno innamorare

parigi

Venezia, Verona e Parigi sono ritenute, in assoluto, le città dell’amore. In Italia, tuttavia, ci sono tante altre località che per incanto dei posti e tradizioni leggendarie, meritano di essere annoverate tra i luoghi più romantici da visitare in coppia. Venezia, che ha dato i natali a Casanova, il libertino per eccellenza, cultore del piacere e delle belle donne, è considerata il paradiso degli amanti, per le atmosfere uniche al mondo dove tutto è inguaribilmente idilliaco: i musei, le calli, i ponti, le gondole, le opere d’arte ad ogni angolo e l’assenza di traffico che concorre a creare una dimensione fuori dal tempo. Il cuore della città è piazza San Marco con la sua basilica costruita nel IX secolo, ma seguendo degli itinerari alternativi nelle zone meno conosciute, si scopre una Venezia silenziosa e tranquilla, avvolta dal rumore dell’acqua. Tra le leggende romantiche della città ricordiamo quella del Bocolo di San Marco che ha dato origine alla secolare tradizione del bocciolo di rosa regalato ogni 25 aprile dai Veneziani alle proprie amate. Nella seconda metà dell’Ottocento la figlia del doge, Maria, amava ricambiata, un giovane di umili origini, un certo Tancredi. Il doge non approvava la relazione, così la fanciulla consigliò all’amato di andare a combattere contro i Turchi per nascondere la propria condizione con la gloria delle imprese. La fama di Tancredi fece il giro del mondo, ma il giovane fu ferito mortalmente e cadde su un roseto. Prima di morire però affidò all’amico Orlando un bocciolo tinto del rosso del suo sangue perché lo consegnasse all’amata come estremo pegno d’amore. Il 25 aprile, il giorno dopo aver ricevuto da Orlando il messaggio d’amore dell’innamorato, Maria fu trovata morta nel suo letto con il bocciolo sul petto. Le atmosfere e la storia di Verona hanno ispirato anche William Shakespeare che proprio qui ambientò il suo Romeo e Giulietta. Una città tutta da scoprire con i resti romani e medievali, le testimonianze veneziane e le impronte austriache che si alternano in antichi palazzi, piazze, ponti e in meravigliose chiese. Nel centro storico piazza Bra e l’Arena, Piazza Erbe e piazza dei Signori, Via Cappello e corso Porta Borsari cedono il passo al Teatro Romano, a Ponte Pietra, a Castelvecchio, al Ponte Scaligero e alle chiese storiche di San Fermo e Sant’Anastasia, del duomo e San Zeno. Meno famose ma altrettanto suggestive le cittadine di Scicli (nella foto), in Sicilia e Alassio in Liguria. Scicli, in provincia di Ragusa è nota per essere una delle location della fiction Il Commissario Montalbano oltre che Patrimonio Unesco Italiano. Adagiata su una vallata e circondata da tre colli, è a pochi minuti dalla costa mediterranea. La città è un vero e proprio scrigno di tesori: chiese tardobarocche, palazzi nobiliari, labirinti di suggestivi vicoli, clima mite e ottima cucina. Alassio, in provincia di Savona, è un pittoresco borgo marinaro definito come “la città degli innamorati” per la romantica anche la leggenda che si cela dietro al suo nome, quella che vede protagonisti Adelasia, figlia di Ottone I di Sassonia, e il giovane coppiere di corte Aleramo: sebbene il padre della ragazza non condividesse questo rapporto poco nobile, i due seguirono il proprio cuore e si unirono in matrimonio rinunciando ad una vita di agi. Il più noto tra i monumenti cittadini, è il famoso muretto, un vanto turistico e artistico ideato dal pittore Mario Berrino.

Condividi questo articolo sui social:
0